La famiglia grande

Una famiglia allargata e privilegiata, la familia grande, in cui regna una libertà assoluta, fieri di appartenere a una generazione di intellettuali prima rivoluzionari e poi borghesi. È in questa famiglia atipica, che mescola gioie e sofferenze, vacanze al mare e indicibili segreti, che crescono Camille e il fratello gemello Victor. Il loro patrigno è Olivier Duhamel, politologo di fama mondiale, membro dell’élite accademica e politica progressista, che ha sposato la madre, una delle prime donne docenti di Scienze sociali e Diritto pubblico. Duhamel è considerato un luminare, amico dei potenti di Francia, ma dietro l’immagine pubblica specchiata si nasconde un orco insospettabile e subdolo. Una rivelazione tardiva, e quindi ancora più dirompente, frutto della presa di coscienza di una donna che, di fronte alla morte della madre, decide che deve riscattare la verità e liberarsi dal senso di colpa che la avvelena. Il racconto di una violenza reiterata per anni e perpetrata nel silenzio complice non solo della famiglia ma anche di un sistema di relazioni che per decenni ha garantito l’impunità a Duhamel.
Quello di Camille Kouchner non è soltanto il racconto liberatorio di un segreto ritenuto finora inconfessabile, ma anche un atto di denuncia di una società e di un’epoca che hanno permesso tutto questo.

Traduzione di Sergio Arecco.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Camille Kouchner

Camille Kouchner è nata nel 1975 a Parigi. È figlia della scrittrice e politologa Evelyne Pisier e dell’ex ministro Bernard Kouchner. Ha un fratello maggiore e un gemello. Dopo il divorzio dei suoi genitori, è stata cresciuta dal suo patrigno, il politologo Olivier Duhamel. Laureata in Legge e specializzata in Diritto sindacale, in Diritto sociale e in Teoria e filosofia del diritto, è oggi docente di Diritto privato. Questo è il suo primo romanzo.

COLLANA