Umberto Eco e la politica culturale della Sinistra

Crapis_Umbero_Eco

Nell’ottobre 1963 il settimanale del Partito comunista italiano “Rinascita” pubblicava un lungo articolo di Umberto Eco “sui problemi della cultura di opposizione”. Quel saggio – per la precoce notorietà del giovane intellettuale, l’introduzione di temi inediti, e la capacità di Eco di tenere insieme “alto” e “basso”, nonché di spaziare in campi tra loro molto diversi – costituì una provocazione feconda per la cultura di sinistra, da cui nacque un dibattito destinato a ridiscutere lo stesso ruolo dell’intellettuale engagé, che coinvolse tra gli altri Rossana Rossanda, Edoardo Sanguineti, il filosofo Louis Althusser.
Questo libro ricostruisce una stagione irripetibile della politica e della cultura italiane, tra la nascita delle neoavanguardie e l’esplosione dei mezzi di comunicazione di massa, e presenta per la prima volta in volume cinque articoli e saggi dispersi di Eco, fondamentali per comprendere la sua formazione e il suo pensiero critico.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Giandomenico Crapis

Giandomenico Crapis è storico della tv e della cultura di massa. Tra i suoi libri più recenti, Enzo Biagi. Lezioni di televisione (2016) e Matteo Renzi dal pop al flop. Ascesa e declino di una leadership televisiva (2019). Ha scritto per “l’Unità” e “il manifesto”, attualmente è commentatore del “Fatto Quotidiano” e collabora con “l’Espresso”.

Claudio Crapis

Claudio Crapis si è laureato in Lettere classiche con Umberto Eco a Bologna con una tesi sulla semiotica di Cicerone e Quintiliano. Dirigente scolastico, ha pubblicato articoli in riviste specializzate e ha curato la voce “Antichità” per il Dizionario della pubblicità (1994).

COLLANA