Rosa d’Oriente

Nel 47 a.C., mentre infuria la battaglia di Zela che vede contrapporsi Giulio Cesare a Farnace re del Ponto, Wurus, Aspirante Sacerdotessa del quasi estinto popolo degli hatti, è in pellegrinaggio verso il sacrario di Hattusa. Catturata, diventa schiava di un romano, commerciante e uomo politico in Asia Minore legato a Marco Antonio, nella cui casa vivrà quasi come una figlia. Il nome della ragazza a poco a poco si trasforma da Rus in Rosa. La giovane è esperta di piante medicinali e riesce a crearsi una solida fama di guaritrice, tanto che Antonio la vuole con sé a Tarsus e poi la porta ad Alessandria nella reggia di Cleopatra, dove entrambi apprezzano i suoi servigi e le si affezionano. Anche un gruppo di Aspiranti Sacerdoti degli hatti sta viaggiando verso Hattusa: fatti prigionieri dall’esercito vittorioso e deportati a Roma, si trasformeranno in una sorta di piccola legione personale di schiavi e poi liberti di Cesare, a lui fedelissima. Uno di loro diventerà un abile guerriero, un altro rivelerà notevoli doti di astuzia e diplomazia a Roma e alla corte di Cleopatra, un altro ancora otterrà il ruolo di cantore presso il circolo di Mecenate. Due, infine, saranno acuti e colti cronisti. Tra Rosa e uno di quei ragazzi esisteva un legame sacro che doveva portarli al matrimonio, ma come ricongiungersi? Rosa è molto bella, altri uomini la desiderano… Sullo sfondo dei tumultuosi avvenimenti che videro la fine della Repubblica e la nascita dell’Impero a Roma, accanto alle vicende di protagonisti della Storia come Cesare, Ottaviano, Antonio e Cicerone, in questo romanzo Mario Biondi ci accompagna alla scoperta delle burrascose avventure di Rosa venuta dall’Oriente e dei suoi compagni di viaggio.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Mario Biondi

Mario Biondi, scrittore, poeta, critico letterario, narratore di viaggio e traduttore, ha pubblicato ventuno libri e con il romanzo Gli occhi di una donna ha vinto il premio Campiello nel 1985. Si è sempre occupato attivamente di narrativa angloamericana di cui è stato recensore per diversi quotidiani e riviste come il “Corriere della Sera”, “il Giornale”, “L’Europeo”, “l’Unità” e altri. Oltre all’Ulisse di James Joyce (La nave di Teseo, 2020), ha tradotto molti importanti autori, tra cui Bernard Malamud, John Updike, Edith Wharton, Anne Tyler, Irvine Welsh e i premi Nobel Isaac B. Singer, William Golding, Wole Soyinka e Orhan Pamuk.

COLLANA