Rime per il canzoniere

A lungo oscurate dal successo delle opere maggiori, le liriche in volgare di Ariosto hanno conosciuto, a partire dagli inizi del Novecento, una progressiva riscoperta, che tuttavia non è bastata a sciogliere i numerosi problemi interpretativi legati a questi componimenti sfuggenti e misteriosi. Di questa difficoltà si è reso complice Ariosto stesso, che non autorizzò mai la stampa delle sue rime, né diede loro una sistemazione definitiva. Al centro di questi testi c’è l’indagine delle passioni umane nella loro complessità – gioia e tormento, eros e ideale –, condotta ora con disincanto, ora con sincera partecipazione, e sempre con straordinaria inventiva. Se questi elementi si ritrovano anche nell’Orlando furioso, solo nelle liriche aprono uno spiraglio diretto sul vissuto di Ariosto, restituendo il momento più autentico dell’esperienza affettiva, specialmente l’amore per Alessandra Benucci, compagna di vita degli anni maturi.
Questo volume raccoglie i componimenti che lo stesso Ariosto selezionò per i suoi tentativi di canzoniere. Il ricco commento di Giada Guassardo ci conduce nel laboratorio delle Rime, lungo le piste compiute e quelle accennate, guidandoci nei meandri di un’esperienza unica di vita e poesia.

A cura di Giada Guassardo.
Giada Guassardo è nata a Senigallia nel 1992. Italianista, si è formata all’Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore e ha in seguito ottenuto il dottorato all’Università di Oxford, compiendo studi su Ariosto e sulla poesia lirica del Quattro-Cinquecento. È attualmente borsista presso l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento di Firenze.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Ludovico Ariosto

Ludovico Ariosto (Reggio Emilia 1474 – Ferrara 1533) visse e prestò servizio alla corte degli Estensi, cercando di ritagliarsi uno spazio di quiete sullo sfondo turbolento delle guerre d’Italia. È autore dell’Orlando furioso, uno dei testi più significativi della letteratura europea, che raccoglie l’eredità della poesia cavalleresca intrecciando avventurose narrazioni “d’arme e di amori” con riflessioni di portata universale sulla natura umana e sulla storia. Nella sua produzione figurano anche le Satire, amaro bilancio dell’esperienza di corte e delle relazioni con eventi e personaggi del tempo, e varie commedie (La Cassaria, I Suppositi, La Lena, Il Negromante) che rievocano lo spirito del teatro classico smascherando al tempo stesso le debolezze della società contemporanea. Tutte opere di straordinaria modernità, che incoronano Ariosto fra i massimi letterati del Rinascimento e che ancora oggi continuano a parlarci. Giada Guassardo è nata a Senigallia nel 1992. Italianista, si è formata all’Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore e ha in seguito ottenuto il dottorato all’Università di Oxford, compiendo studi su Ariosto e sulla poesia lirica del Quattro-Cinquecento. È attualmente borsista presso l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento di Firenze.

COLLANA