Repubblica sorda

Repubblica sorda è ambientato in un paese occupato, scosso da disordini politici. Quando i soldati intervenuti a sedare una protesta uccidono un ragazzo sordo, Petya, quello sparo omicida è l’ultimo suono udito dagli abitanti: sono diventati tutti sordi, e il loro dissenso corre ora attraverso il linguaggio dei segni. Le vite private dei cittadini si intrecciano con la violenza pubblica che li circonda: una coppia di sposi novelli, Alfonso e Sonya, in attesa di un figlio, la sfacciata Momma Galya, che istiga l’insurrezione dal suo teatro di burattini, e le ragazze di Galya, che insegnano giorno e notte la lingua dei ribelli, attirando i soldati dietro le quinte per eliminarli uno a uno. Premiato in tutto il mondo, Repubblica sorda è al tempo stesso una storia d’amore, un potente racconto in versi e una sfida aperta al silenzio di tutti noi di fronte alle atrocità del nostro tempo.

Traduzione di Giorgia Sensi.

“Un libro magnetico.” Joyce Carol Oates

“Repubblica sorda è straordinario: narrazione avvincente, immagini potenti, importanza storica. Fatevi un favore e leggete questo libro.” Viet Thanh Nguyen

“Come può un poeta rendere visibile il silenzio? In che modo può illustrare – e illuminare – la nostra sordità collettiva? Un libro straordinario da una delle voci più profonde dei nostri tempi.” Colum McCann

“Kaminsky obbliga il lettore a interrogarsi sulla lealtà che muove le nostre relazioni sociali.” Karl Kirchwey, The New York Times

“Una repubblica della coscienza che in definitiva è anche la nostra.” Kevin Young, The New Yorker

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Ilya Kaminsky

Ilya Kaminsky è nato nell’ex Unione Sovietica e ora è cittadino americano. È autore di una raccolta di poesie, Dancing in Odessa, e ha curato la Ecco Anthology of International Poetry. Ha ricevuto un Whiting Award, una Lannan Literary Fellowship e una Guggenheim Fellowship, ed è stato selezionato al Neustadt International Prize for Literature. Per Repubblica sorda ha vinto il National Jewish Book Award for Poetry e il Los Angeles Times Book Prize ed è stato finalista, tra gli altri, al National Book Award for Poetry, al PEN/Jean Stein Award, al National Book Critics Circle Award for Poetry, al T. S. Eliot Prize. Le sue opere sono tradotte in più di venti lingue.

COLLANA