L’hotel di cristallo

Vincent fa la barista all’Hotel Caiette, un prestigioso cinque stelle nel nord dell’isola di Vancouver. Una notte, all’improvviso, uno sconosciuto incide sulla vetrata dell’atrio un messaggio inquietante: Perché non ti ingoi una scheggia di vetro? Jonathan Alkaitis, il finanziere proprietario dell’hotel, quella sera arriva troppo tardi per leggere la minaccia, e ignaro di tutto passa la serata con Vincent.
Quando si salutano, le lascia una mancia di cento dollari e il suo biglietto da visita. Un anno dopo vivono insieme come marito e moglie. A Manhattan Alkaitis gestisce un giro di investimenti miliardari che non è altro che un gigantesco gioco di specchi. Quando il sistema crolla, travolge le vite di tutte le persone che gli avevano affidato i risparmi. Vincent, che finora ha recitato la parte della bella moglie, sparisce improvvisamente, per ricomparire anni dopo a bordo di una nave mercantile coinvolta negli inganni di Alkaitis.
Tra fortune principesche, club di musica elettronica, hotel di lusso e prigioni federali, Emily St. John Mandel firma un thriller sull’avidità e il senso di colpa, sull’amore e la disillusione, e sugli infiniti modi in cui, sempre e ostinatamente, cerchiamo di dare un senso alla nostra vita.

Traduzione di Elena Malanga.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Emily St. John Mandel

Emily St. John Mandel ha scritto cinque romanzi, tra cui il best seller Stazione undici (2015), tradotto in 33 lingue e finalista al National Book Award e al PEN/ Faulkner Award e vincitore del 2015 Arthur C. Clarke Award. Gli altri suoi romanzi sono Musica delle parole (2012), The Singer’s Gun (2010) e The Lola Quartet (2012). L’hotel di cristallo, con oltre 225.000 copie vendute negli Stati Uniti e in corso di traduzione in 25 paesi, è stato selezionato tra i libri preferiti di Barack Obama del 2020 e come libro dell’anno dalle principali riviste americane tra cui “The New Yorker”, “NPR”, “Time”, “The Washington Post” e “Entertainment Weekly”. La NBC Universal ha opzionato i diritti per farne una serie tv. Vive a New York con la sua famiglia.

COLLANA