I fasciovegani

Giuseppe Cruciani intercetta ogni giorno gli umori vibranti del paese da un punto di ascolto privilegiato – la trasmissione La Zanzara su Radio 24 – rispondendo spesso con ironia e intelligenti provocazioni. Ha scoperto a sue spese, però, che su un argomento è vietato scherzare, perché ci si scontra con l’assolutismo di una comunità che ha sempre più potere: i fasciovegani.

Questi sono i più estremi sostenitori di un animalismo militante che spesso deborda nella violenza di pensiero, di parola, talvolta fisica. Sono attivisti, spesso ispirati dalle parole di vip più o meno in vista, che combattono contro gli aspetti a loro avviso deteriori del progresso: dagli allevamenti intensivi alla sperimentazione sugli animali, dalla caccia alle forme tradizionali di medicina, magari speculando su illusioni e speranze dei malati.

Nella sua battaglia contro i fasciovegani, Cruciani ha subìto minacce, insulti e un blitz negli studi del suo programma. Soprattutto ha capito che, prima ancora che una discussione su salute e alimentazione, questa è una battaglia in cui è in gioco la libertà delle proprie opinioni, e il rispetto di quelle altrui.

Acquista su AmazonAcquista su IBS

Giuseppe Cruciani

cruciani-fotoGiuseppe Cruciani, nato nel settembre del 1966, romano ma ormai milanese d’adozione, conduce La Zanzara, programma cult su Radio 24. Laureato in Scienze Politiche con una tesi sul movimento rivoluzionario peruviano Sendero Luminoso, ha iniziato a Radio Radicale, ha scritto per “L’Indipendente” di Feltri, ha lavorato in TV in Francia per Euronews e per il settimanale “Liberal”: “tutte cose inutili di cui non mi è mai fregato nulla”, a suo dire. Poi ha ritrovato la radio e creato La Zanzara insieme a David Parenzo, suo compagno di avventure al microfono. Le sue passioni sono la figlia Viola, il calcio, il football americano, la montagna e scoprire cosa hanno in testa le persone che lo chiamano in diretta.

COLLANA