Henry

pape-satan-aleppe

Nina insegna aerobica a Roma, conosce Gianni, un ventenne spiantato, e Rocco, cinquant’anni, ex fotografo. Tutti e due con un passato da eroinomani. Grazie a loro Nina si trova coinvolta prima in un omicidio, poi in uno scontro sempre più efferato tra gli Africani e la banda di Civitavecchia, due gang che si contendono la vendita di Henry (l’eroina di qualità superiore, nel gergo degli spacciatori). Le indagini sono condotte da Silvestri e Bellucci, due poliziotti molto anomali, come anomala è la città che Nina scopre a poco a poco, tutta popolata da stranieri.
Un romanzo dal ritmo travolgente, elettrico e feroce, in una Roma che sembra diventata un grande terreno di caccia, una città di cui nessuno sospetta l’esistenza.

 

Acquista su IBSAcquista su Amazon

Andrea De Carlo

Nato e cresciuto a Milano. Padre architetto, madre traduttrice. Nonno paterno siciliano, nonna paterna cilena; il lato materno piemontese. Ha cominciato a scrivere al liceo, la faccenda è diventata più seria quando sua madre gli ha regalato una Lettera 22 portatile rossa per i suoi diciott’anni. Con quella ha scritto racconti di una pagina, diari di viaggio, lettere, due romanzi inediti, e i primi due romanzi pubblicati. Laureato in Lettere moderne, con una tesi in Storia contemporanea. Ha vissuto per lunghi periodi negli Stati Uniti, in Australia, in Centro e Sud America e in diverse città europee. Il suo primo romanzo pubblicato, ‘Treno di panna’, è uscito con una quarta di copertina di Italo Calvino. Ha lavorato con Federico Fellini e Michelangelo Antonioni. Ha diretto un cortometraggio dal titolo “Le facce di Fellini” e un lungometraggio tratto dal suo primo romanzo. Ha scritto con Ludovico Einaudi i balletti ‘Time Out’ e ‘Salgari’. Ha registrato i cd di sue musiche ‘Alcuni nomi’, con il percussionista bengalese Arup Kanti Das e ‘Dentro Giro di vento’. Ha scritto diciannove romanzi, tradotti in 26 paesi. Partecipa alla campagna di Greenpeace ‘Scrittori per le foreste’.

Giovanni Mastrangelo

giovanni-mastrangeloGiovanni Mastrangelo ha vissuto per più di vent’anni in Africa dove ha lavorato come fotoreporter. Tornato in Italia, dalla fine degli anni novanta vive e lavora a Roma. È scrittore, autore di documentari, sceneggiatore. Negli anni ha pubblicato racconti sulle riviste “Linea d’Ombra”, “Nuovi Argomenti”, “Linus” e “Corto Maltese”. Tra i suoi libri ricordiamo Bratto, illustrato da Copi, Il coupé scarlatto, African soap (selezione Premio Strega 2003), Henry e Il sistema di Gordon (La nave di Teseo, 2016).

COLLANA