Ginevra

“Sì, è il mio primo romanzo, l’ho scritto che avevo poco più di vent’anni: non di getto. Adesso lei mi chiede che impressione ho avuto nel rileggerlo dopo una infinità di tempo, perché glielo confermo: non lo rileggevo da una infinità di tempo. Allora. Se devo essere proprio sincero, le dico che, oltre alla tenerezza, ho provato stupore per il coraggio con il quale mi sono esposto. Guardi: ci sono tre giovani uomini e una ragazza molto seducente che vivo- no in una villa, immersa in un parco alla periferia di una città. Progettano itinerari, guardano film e documentari, raccolgono memorie, soprattutto aspettano un personaggio, si chiama Godot, che vive a Ginevra e deve tornare a salvarli. E questa è la cornice. Ma dentro, davvero, ci ho messo tutto: l’amore, la morte, il tempo, mi chiedo come ho fatto.”
Giorgio Montefoschi

Acquista su Amazon Acquista su Ibs

Giorgio Montefoschi

Giorgio Montefoschi è nato a Roma. Ginevra (1974) fu il suo romanzo d’esordio, cui seguì Il Museo Africano (1976). Tra le sue numerose opere ricordiamo: La casa del padre (1994, Premio Strega), Il segreto dell’estrema felicità (2001), La sposa (2003), Lo sguardo del cacciatore (2003), L’idea di perderti (2006), Le due ragazze con gli occhi verdi (2009), Eva (2011), La fragile bellezza del giorno (2014) e Il volto nascosto (1991, 2015) e Il corpo (2017).

COLLANA