Fondamenti della Repubblica mondiale

Borgese-fondamenti-della-repubblica-mondiale

Nel 1931 Giuseppe Antonio Borgese si trasferisce negli Stati Uniti per un ciclo di lezioni all’Università di Berkeley. È lo stesso anno in cui il fascismo impone il giuramento ai professori universitari, così quel soggiorno che doveva essere temporaneo si trasforma in un lungo esilio volontario, lontano dalle pressioni del regime. Nei diciassette anni trascorsi oltreoceano, Borgese frequenta letterati e scienziati di ogni provenienza, si dedica a un’intensa militanza antifascista e, all’indomani dell’attacco nucleare su Hiroshima, promuove il Comitato per la redazione di una Costituzione mondiale.
Da quella esperienza nasce Fondamenti della Repubblica mondiale – pubblicato postumo in inglese nel 1953 e ora per la prima volta tradotto in italiano – in cui Borgese espone la sua profonda fiducia nella democrazia. Un manifesto programmatico che è anche una riflessione sulla natura dell’uomo, sulla politica, la storia, la filosofia e la giustizia, un libro dimenticato ma capace di anticipare con intuito profetico i pericoli, oggi quanto mai attuali, della tecnologia incontrollata e della deriva violenta degli stati.
La sensibilità dei suoi studi letterari, l’esperienza delle due guerre, la presa di coscienza degli orrori dei totalitarismi, lo convincono dell’inutilità dei conflitti, e che soltanto un governo mondiale
democratico, dotato di poteri reali, possa affermare la pace e la giustizia tra le nazioni.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Giuseppe Antonio Borgese

Giuseppe Antonio Borgese (Polizzi Generosa 1882 – Fiesole 1952) è stato una delle personalità culturali più autorevoli e ascoltate del primo Novecento italiano. Insigne docente universitario, nel 1909, a soli ventisette anni, è il più giovane professore di ruolo del Regno. Ottiene la cattedra di Letteratura tedesca a Roma, poi a Milano. Nel 1924 fu istituita per lui, presso l’allora Accademia scientifica letteraria di Milano, la prima cattedra di Estetica in una università italiana. Nel 1931 si trasferisce negli USA, dove insegna Letteratura italiana all’Università di Berkeley in California, alla Columbia University, allo Smith College di Northampton e all’Università di Chicago. Ritornerà in Italia dopo la guerra, nel 1948.

COLLANA