Con la cultura non si mangia?

“Con la cultura non si mangia” scolpiva lapidaria una frase attribuita ad un noto ministro di qualche anno fa. Eppure in un Paese come l’Italia che dell’intreccio tra arte, bellezza, storia, paesaggio ha fatto da secoli un tratto della propria identità, la cultura può e deve essere non solo una leva di crescita civile e democratica, ma un fattore strategico per uno sviluppo economico sostenibile, una chiave possibile, dopo la pandemia e le sue conseguenze sanitarie e sociali, per iniziare a scrivere il dopo, con uno sguardo lungo, dotato di respiro.
Questo libro è insieme manifesto di idee e diario di viaggio, racconto dal vivo di una stagione vissuta nel cuore del ministero che presidia la bellezza. Un percorso che ci restituisce, in filigrana, i risultati ottenuti e le difficoltà incontrate, le questioni aperte e le idee per il futuro.

Acquista su Amazon
Acquista su Ibs
Acquista su Bookdealer
Acquista eBook nel nostro negozio online
Acquista eBook su Kobo

Dario Franceschini

Dario Franceschini ha pubblicato nel 2006 il suo primo romanzo Nelle vene quell’acqua d’argento, con il quale ha vinto in Francia il Premier Roman di Chambéry e, in Italia, il premio Opera Prima Città di Penne e il premio Bacchelli. Ha in seguito pubblicato La follia improvvisa di Ignazio Rando, da cui è stato tratto un omonimo spettacolo teatrale, Daccapo, Mestieri immateriali di Sebastiano Delgado e Disadorna. I suoi romanzi sono tradotti in Francia per Gallimard. Dal 2021 è ministro della cultura del governo Draghi, dopo aver ricoperto lo stesso incarico per sei anni nei governi Renzi, Gentiloni e Conte 2. Foto dell’autore: © Emanuele Antonio Minerva

COLLANA