Apriamo gli occhi

Dall’autore di Il Cigno nero e il Cavaliere bianco – il long seller che ha anticipato l’attualità – un pamphlet che denuncia i rischi che corrono i nostri risparmi dopo la nascita di un governo in cui convivono il populismo dei grillini e il sovranismo della Lega, da sempre ritenuto dai mercati il massimo rischio possibile.
Roberto Napoletano suona l’allarme, dopo lo scampato pericolo della grande crisi del 2011, perché l’Italia non corra il rischio di un secondo, fatale, Cigno nero. In questi mesi sono già usciti dal paese decine di miliardi di capitali esteri, mentre i risparmi dei veneti emigrano in Austria, i soldi dei milanesi prendono la strada della Svizzera e le aziende e i lavoratori guardano con timore alle conseguenze del decreto dignità.
Spiegando con chiarezza dati ufficiali e rivelazioni inedite, Napoletano scrive una lettera aperta agli italiani perché prendano coraggio e facciano proprie le regole della fatica e del merito, isolando farabutti e corruttele varie, contro tutte le caste: politica, burocratica, capitalistica, finanziaria, giornalistica, sindacale, corporativa, assistenziale. Questa volta l’imbroglio è in casa, lo stiamo confezionando con le nostre mani. Se vogliamo salvare il nostro futuro, e i nostri soldi, dobbiamo fare presto, un’altra volta. Siamo ancora in tempo.

Acquista su Amazon  Acquista su IBS

Roberto Napoletano

Roberto Napoletano è stato direttore del “Sole 24 Ore” (dal 2011 al 2017) e di tutte le testate del gruppo (Radio 24, l’agenzia di stampa Radiocor, l’informazione web e specializzata), e direttore editoriale del gruppo multimediale 24 Ore. Dal 2006 al 2011 è stato direttore del “Messaggero”. Tra i suoi libri: Se il Sud potesse parlare (2001), Padroni d’Italia (2004), Fardelli d’Italia (2005), Promemoria italiano (2012), Viaggio in Italia (2014). Per La nave di Teseo ha pubblicato nel 2017 Il cigno nero e il cavaliere bianco (3 edizioni, 12.000 copie), diventato uno spettacolo teatrale in tournée in tutta Italia.