Boris Pahor

BorisBoris Pahor, nato a Trieste il 26 agosto 1913, è uno dei più grandi scrittori sloveni di cittadinanza italiana. Durante la seconda guerra mondiale ha aderito al Fronte di liberazione sloveno ed è stato deportato nei lager nazisti, esperienza cui ha dato voce in gran parte della sua produzione letteraria, in particolare nel capolavoro Necropoli (2008).
Difensore della libertà e della dignità, ha trovato negli umiliati e negli offesi i protagonisti della sua vicenda umana e della sua narrativa, come anche del suo pensiero storico e politico. È autore di una trentina di volumi, fra narrativa e saggistica, tradotti in più di venti lingue. Tra le sue ultime pubblicazioni, Figlio di nessuno (con Cristina Battocletti, 2012), Così ho vissuto (con Tatjana Rojc, 2013), La città nel golfo (2014) e Triangoli rossi. I campi di concentramento dimenticati (2015).

Category

Posted

  • On maggio 04, 2016